Il web writer, scultore della parola

photo credit: skokko via photopin cc

photo credit: skokko via photopin cc

Un web writer batte sulla tastiera. Tic tic tic. Si ferma. Sospira. Ha concluso la prima stesura del suo post.
Ha finito, e non ha ancora cominciato.
Sa che la prima versione del testo è materiale grezzo. Ci sarà da limare, ritoccare, togliere qui e aggiungere là. Trasformare la bozza in un testo sintetico: non breve, non lungo, ma che contenga tutte le informazioni necessarie.

Il web writer è lo scultore della parola: dopo un lungo lavoro di scalpello, dal blocco di testo iniziale ricava l’essenza del suo messaggio. E proprio come lo scultore, anche lo scrittore ha i suoi attrezzi del mestiere: Luisa Carrada docet!

Scrivere è riscrivere

Anzi: scrivere è rileggere, riscrivere, rileggere e riscrivere ancora.
La riscrittura è una scalata, ma ha un grande potere: quello di rendere leggibile il tuo scritto.

[Tweet “La riscrittura è la chiave per produrre testi concisi (R. Bly)”]

Facciamocene una ragione: la correzione delle bozze è faticosa, ma indispensabile.
Scrivere di getto va bene per il diario personale. E basta.

Un recente articolo di Copyblogger ha individuato 7 consigli per trasformare una bozza “grossolana” in un post “levigato”.
Vediamoli brevemente:

  • Comincia il tuo articolo con incisività: introduci il lettore al tema del post con il giusto piglio
  • Separati dal tuo ego: se una frase è inutile, tagliala senza rimorsi, anche se a te piaceva tanto
  • Scegli con cura le parole: esistono quelle giuste per il tuo messaggio, cercale
  • Correggi refusi ed errori grammaticali
  • Usa la punteggiatura (e gli spazi) per guidare il lettore lungo il testo
  • Scrivi con stile, con uniformità e chiarezza
  • Concentrati sul tuo obiettivo: cosa vuoi comunicare? Il tuo testo riesce a farlo?

“Tu come fai?”

Inizialmente butto giù il pezzo quasi di getto. Di tanto in tanto rileggo ciò che ho scritto, ma lascio le valutazioni del post alla fine della prima stesura. Mi capita spesso di lasciare il testo a “decantare” qualche ora, soprattutto se sono stanco.
Poi leggo e rileggo ancora, a volte a voce alta, per vedere se il pensiero fila senza intoppi.
Non è mai un lavoro breve: sono arrivato anche a 20 revisioni prima di pubblicare.

Grazie a Riccardo Esposito ho scoperto Edora, un tool che permette sia di sviscerare il testo alla ricerca di refusi, ripetizioni, sia di comparare due testi per evidenziarne le differenze.

Dimmi la tua

Sei d’accordo con la mia visione del web writer come artigiano? E come procedi con la correzione bozze?
Raccontamelo nei commenti!

 

The following two tabs change content below.
Copywriter, amo la narrativa fantastica e umoristica, l’Inter e la scrittura a 360°. Altre passioni: i documentari, la musica indie, l’universo digitale, i videogiochi, la radio, gli sport (quando contraccambiano). Parafrasando Beppe Viola, sarei disposto ad avere 37 e 5 tutta la vita in cambio della creatività di Emanuele Pirella o di Terry Pratchett. Comunicat-ivo.it è la mia casa: sei più che benvenuto!